Articolo su ubuntu di famiglia cristiana

Forum dedicato agli studenti del corso linux e a tutti gli amanti del pinguino!

Moderatore: matteo

Articolo su ubuntu di famiglia cristiana

Messaggioda Michele » mar ott 30, 2007 12:00 pm

Articolo preso dal blog dell'autore:
http://blognuovimedia.splinder.com/post/14388822

ecco il testo:
Ubuntu, un Linux facile facile

È sicura, stabile, leggera, gratuita e libera: tanti buoni motivi per provare una delle distribuzioni Linux più semplici, adatta anche ai non esperti.

Il sistema operativo è un programma che governa tutte le funzioni principali di un computer, una sorta di anima centrale. I più diffusi sono Windows e Mac, due sistemi “proprietari”, cioè a pagamento e regolati da una licenza d’uso; ne esiste però un terzo, Linux, molto conosciuto, ma poco utilizzato, perché alquanto complesso.

Ma Linux è un ottimo programma: è sicuro, stabile (non si “impianta”), leggero, completamente gratuito e, soprattutto, libero (open source). Ne esistono diverse versioni, dette distribuzioni: una di esse, Ubuntu, ha conquistato negli ultimi anni un numero sempre crescente di consensi per la sua estrema semplicità di installazione e per la facilità d’uso.

L’insolito nome viene da un’antica parola zulu che significa “umanità verso gli altri” e non è un caso che sia stato scelto un termine africano. Il progetto è nato grazie a un giovane imprenditore sudafricano, Mark Shuttleworth; quand’era all’università, fondò un’azienda della new economy, che cedette quattro anni dopo, incassando ben 575 milioni di dollari (parte di quel denaro servì a finanziare Ubuntu).

È appena uscita la versione 7.10 di questo sistema operativo, che ha la caratteristica di essere semplice e completo; durante l’installazione avviene una configurazione automatica del computer e, al termine, si ha a disposizione non soltanto Linux, ma anche una serie di programmi essenziali – e gratuiti – per lavorare, navigare o divertirsi. Dal sito italiano è possibile scaricare la traccia iso per la masterizzazione del disco di installazione; poi si dovrà avviare il computer con il cd inserito e sceglierne la modalità. Si può decidere di caricare solo Ubuntu, oppure optare per una coabitazione con Windows; addirittura esiste una versione “live”, che consente di provare il sistema operativo, senza lasciare tracce sul disco fisso.

Anche se dotato di guide e aiuti molto utili, occorre considerare che il passaggio a Linux non è immune da difficoltà: ci sono un po’ di differenze rispetto a Windows e possono sorgere problemi con alcune periferiche. Per questo motivo, il consiglio è di provare Ubuntu “live” o di installarlo su un vecchio pc, prima di decidere di adottarlo definitivamente.
Michele
 
Messaggi: 308
Iscritto il: ven mar 17, 2006 2:14 am

Torna a Unix, Linux & reti

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron