brainstorming

Forum per tutti i neofiti e gli esperti che vogliono proporre o rispondere ad argomenti che riguardano lo sviluppo di apllicazioni web basate in aprticolare su Html - Css - Php - MySql, ma non solo...

Moderatore: Michele

brainstorming

Messaggioda Michele » sab apr 12, 2008 6:58 pm

Un ineteressantissimo articolo preso da:
http://www.kikoweb.org/blog/100/brainst ... what-is-it
ve lo riporto dei seguito:
Brainstorming: what is it?

E’ uno strumento molto utile. L’obiettivo è studiare a fondo un problema e, conseguentemente, produrre il maggior numero di idee e soluzioni in merito.

E’ possibile identificare la tecnica di brainstorming come una metodologia rivolta ai problemi di identificazione. E’ uno strumento di gruppo.
Ha molte applicazioni pratiche:

* risoluzione di un problema: analisi dei dati e delle variabili, sondare e proporre soluzioni alternative, effettuare simulazioni;
* gestione di processi: per migliorare in senso largo un’attività;
* gestione di progetti: valutazione dei rischi, pianificazione delle risorse, assegnazione di ruoli e responsabilità;
* costruzione di un team: valutare personalità e ruoli, favorire la coesione di un gruppo nascente o già esistente.

Regole e Metodo

Quando si decide un’attività di brainstorming occorre informare i partecipanti delle regole. La regola per eccellenza, un must è:
NO PREGIUDIZI

I problemi di una seduta di brainstorming devono essere esplicitamente e preventivamente dichiarati: cioè i partecipanti devono essere informati prima dell’oggetto della seduta. I problemi devono altresì essere semplici (anche se tale dicitura è alquanto relativa) e soprattutto risolubili (potremmo anche usare il termine pratici). Accogliere il gruppo in una sala confortevole. Predisporre una lavagna, fogli e penne per i partecipanti, magari qualche genere alimentare (tipo bevande).

Il gruppo non deve essere disturbato dall’esterno per tutta la durata della seduta. Vietato l’uso di telefonini e di ogni altro genere di mezzo di comunicazione con l’esterno.

Il numero di partecipanti non deve essere troppo esiguo o troppo elevato. Un numero ottimo è stimato in 10 unità.

Fissato il problema o l’idea ispiratrice del brainstorming, ogni partecipante è invitato a riflettere e a esprimersi. Il brainstorming favorisce e persegue la creatività e la libertà di ogni partecipante. Nessuna idea e/o partecipante deve essere criticata (almeno inizialmente). Tutte le idee sono ben accette. A turno, dunque, ogni partecipante è invitato a esternare al gruppo la sua idea/soluzione.

A seconda del gruppo e nel caso in cui nascano dei problemi circa l’autoregolazione del gruppo, è consigliabile ed è prevista la figura di un coordinatore. Tale coordinatore fa proprio il ruolo di colui il quale deve gestire le relazioni interpersonali. In virtù della sacra libertà di parola/intervento deve evitare scontri e rotture all’interno del gruppo, e quindi che si formino dei sottogruppi. Deve essere capace alla fine di ogni seduta o nei periodi in cui la discussione cala di ritmo e/o mancano idee nuove di sintetizzare/riassumere le idee emerse, stimolare tutti i partecipanti ad esprimere il proprio pensiero (in particolare quelli meno attivi), lanciare nuove idee e proposte in modo da alzare il ritmo della seduta. Una buona gestione di una seduta di brainstorming prevede che il coordinatore (o chi per esso) scriva tutto quanto emerso in una lavagna di modo che ogni partecipante sia concentrato sull’idea/soluzione corrente e totali.

La fase iniziale di una seduta di brainstorming deve privilegiare la quantità di idee, variabili e legami fra variabili piuttosto che la qualità (questa sarà oggetto di sedute di altra natura). Una seduta avrà necessariamente un seguito, cioè una seconda seduta a distanza di qualche giorno (la stima ufficiosa si basa sulla settimana di ritardo). Nella seconda seduta di brainstorming si solleveranno altre nuove idee e/o soluzioni e si criticheranno/sceglieranno le migliori. Le idee scartate non devono essere buttate via, bensì vengono conservate per usi futuri (altre sedute, altri progetti).

I criteri di scelta potrebbero essere così elencati:

* originalità dell’idea/soluzione rispetto ad idee/soluzioni già esistenti;
* realismo (questo presuppone una sorta di studio di fattibilità);
* tempi di realizzazione dell’idea/soluzione;
* costi di realizzazione dell’idea/soluzione.

Il limite di tempo di una seduta è stimato in 60 minuti. Molti critici sostengono di non limitare una seduta ma di protrarla fino all’esaurimento delle idee/soluzioni.
Michele
 
Messaggi: 308
Iscritto il: ven mar 17, 2006 2:14 am

Torna a Webmaster

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron